Racconto di pietra

Nei riti tradizionali un'ampia gamma di colori, caratterizzanti i costumi isolani, si alternano sulle strade granitiche. Le sequenze mostrano lo snodarsi di un corteo in cui ai cavalieri seguono le persone a piedi. Tutti indossano i costumi tradizionali.

Dopo l'introduzione su descritta, il documentario, avvalendosi di disegni animati, illustra il processo di formazione delle rocce granitiche. L'origine di queste ultime risale al momento in cui la terra, ancora allo stato semifluido, si distribuì in zone concentriche, dovute alla forza centrifuga prodotta dal movimento di rotazione. La terra, come è visibile dai disegni, è costituita da un nucleo centrale incandescente, intorno al quale tre circoli di materia si sono distribuiti secondo il peso specifico. Le masse rocciose, specie i basalti e i graniti, furono spinte per pressione dall'interno verso la crosta, costituita d'arenarie. Affacciandosi all'esterno, il granito, più leggero dei basalti, si raffreddò lentamente. La Corsica e la Sardegna erano allora ancora unite al continente. L'intensa attività vulcanica, localizzata soprattutto nella zona appenninica, e i successivi assestamenti tellurici, dovuti al sollevamento alpino, portarono l'inabissamento di gran parte della terra bassa. Corsica e Sardegna rimasero unite. Più tardi, la prima si staccò, sospinta dalla pressione del dilavamento.

Gli agenti atmosferici hanno lasciato le loro trecce sulla crosta esterna, specialmente nelle arenarie e nei calcari. I compatti e omogenei schisti (mostrati dalle inquadrature), ricchi di silicio, quarzo e mica, hanno opposto una maggiore resistenza. I graniti, sottoposti all'azione del mare, del vento e degli altri elementi, mostrano "bizzarre figurazioni". Le nicchie create nel tempo sono state utilizzate come nido dagli uccelli. Anche l'uomo del periodo eneolitico abitò dentro le cavità delle rocce granitiche di Gallura. Qui sono stati rinvenuti molluschi e piccoli mammiferi allo stato fossile.

Tuttora l'uomo si serve dei graniti più compatti nell'edilizia e nel settore ornamentale.

 

Iniziativa a cura del Centro di Servizi Culturali SocietÓ Umanitaria - Cineteca Sarda