Saccargia. La Basilica della S.S. TrinitÓ

Il documentario, dedicato alla chiesa di Saccargia, a Codrongianus, in provincia di Sassari, inizia con la leggenda della fondazione, in parte ricordata nei capitelli ornati da mucche in pietra: il nome sarebbe derivato dal luogo dove si trovava una mucca pezzata, s'accarza. Si deve poi al giudice Costantino di Lugudoro (sepolto sotto l'altare della chiesa), nel 1112, la donazione dell'edificio ai camaldolesi, con la successiva consacrazione nel 1116. Dopo la storia, è la struttura dell'edificio ad essere oggetto di approfondimento: i rapporti dimensionali tra chiesa e campanile, le decorazioni esterne e lo stile (predominante romanico-pisano), l'uso del calcare e del basalto alternati come pietre di costruzione. Quindi l'interno con gli affreschi trecenteschi, un pulpito dorato, il retablo di derivazione catalana. Il filmato si chiude ricordando l'importanza della chiesa, tanto per i fedeli come luogo di culto, quanto per il semplice turista come monumento storico ed artistico.

Iniziativa a cura del Centro di Servizi Culturali SocietÓ Umanitaria - Cineteca Sarda