Maschere tradizionali del Carnevale barbaricino. Olzai 2000

Questo film nasce da un progetto della Comunità Montana del Talora, con lo scopo di raccogliere in unica manifestazione tutte le maschere del Carnevale barbaricino. Ogni anno i diversi paesi della comunità si daranno appuntamento per sfilare, ognuno con la propria maschera, e festeggiare insieme il Carnevale. I paesi sono quindici, ognuno ha una maschera caratterizzante, ma per tutti sono riconoscibile dei caratteri comuni: la metamorfosi dell'uomo in animale o in dio, la sacralità del rito della vestizione, la tragicità della maschera. Ad ogni costume, il documentario dedica un paio di minuti per descrivere attraverso le immagine e la voce narrante il loro significato e la loro origine: Sos Mamuthones e Sos Issohadores di Mamoiada, Sa Maschera 'e Cuaddu di Neoneli, S'Urthu di Fonni, Su Harraseare Lodinesu di Lodine, Sas Mascheras a Gattu di Sarule, Sos Mamutzones di Samugheo, Su Bundu di Orani, Sa Marizola di Ollolai, S'Urtzu e Sos Bardianos di Ula Tirso, Sos Thurpos di Orotelli, Su Coli-Coli di Tonara, Sos Merdules e Sos Boes di Ottana, Sos Tumbarinos di Gavoi, Sos Maimones, Sos Murronarzos e Sos Intintos di Olzai, Sa Die de Me'uris de Lessia di Ovodda.

Iniziativa a cura del Centro di Servizi Culturali SocietÓ Umanitaria - Cineteca Sarda