La Marcia per il lavoro

La voce narrante e le immagini seguono la lunga marcia di giovani disoccupati ogliastrini che da Tortolì percorsero a piedi tutta la Sardegna incontrando le diverse e complesse realtà sociali ed economiche sarde. La marcia per la disoccupazione trovò una ragione profonda anche nei disagi dei lavoratori unendosi alle proteste dei minatori del Sulcis e alle lotte operaie di Olmedo sino alla manifestazione generale a Cagliari. Il folto gruppo venne accolto dal segretario della CGIL, Luciano Lama, e trovando l'appoggio di Peppino Mura, felice della presa di coscienza del popolo sardo stretto per la causa dei lavoratori. In questo periodo nacquero vari comitati che accrebbero il clima di mobilitazione generale segnato da ottimismo e speranza grazie anche all'approvazione da parte della Regione della legge 28 per l'occupazione.inserite il testo

Iniziativa a cura del Centro di Servizi Culturali SocietÓ Umanitaria - Cineteca Sarda