Danze di Sardegna

Il documentario, commentato da una voce inglese fuori campo, mostra il ballo sardo in costume durante le feste religiose di Fonni, Samugheo, Ollolai, Busachi, Desulo, San Costantino a Sedilo (S'Ardia) e San Salvatore di Sinis.A Selargius il matrimonio tradizionale si conclude con una grande festa all'interno della corte di una casa campidanese, di cui il ballo, accompagnato dalle launeddas, costituisce il gran finale.I nuraghi, che aprono il filmato, sono presentati come i testimoni silenziosi e antichi di un mondo che perpetua rituali anch'essi primitivi. Il ballo sardo è presentato come un chiaro esempio di questa persistenza di modelli arcaici, sia per la sua tipica circolarità che per l'accompagnamento musicale delle launeddas, oltre che per l'austerità dei costumi tradizionali con cui viene praticato.

Iniziativa a cura del Centro di Servizi Culturali SocietÓ Umanitaria - Cineteca Sarda