Una domenica

Alcune immagini fisse descrivono un ambiente domestico trascurato; la tavola apparecchiata, il divano scomposto e i giornali in disordine. È mattina e il caffè è sul fuoco, e alcune foto incorniciate ritraggono una coppia. Al porto di Cagliari, dopo aver traversato la via Roma davanti al Municipio, un nave passeggeri sta per salpare, mentre un uomo siede triste. Al momento dell'imbarco e della partenza si danno gli ultimi saluti dalla banchina, mentre l'uomo piange. Salito sull'autobus si dirige al Poetto per una passeggiata sulla spiaggia semideserta. Qui si trattiene fino a sera, per cercare di distrarsi nel vicino luna park. È oramai notte e della città illuminata si scorge la facciata della basilica di Bonaria. In casa l'uomo si dondola sulla sedia al ritmo del metronomo; si alza per aprire la stanza matrimoniale deserta, e fissarla qualche attimo. Sul divano stringe un cuscino e piange, per stare poi a terra con in mano il telefono e sussurrare "aiuto" con una smorfia di sofferenza.

Iniziativa a cura del Centro di Servizi Culturali SocietÓ Umanitaria - Cineteca Sarda